utente:
password:
Non sei ancora registrato?
Registrati qui
Hai perso nome utente o password?
Cliccca qui
> TUTTI I PROGRAMMI (QUADRO SINTETICO)
Attivita Destinazione Area
> SCHEDA PROPOSTA

Codice: AV07004

Monti dell' Air e deserto del Ténéré - NIGER

Una splendida avventura che affronta, con mezzi fuoristrada e a piedi o a dorso di cammell, le zone più belle delle montagne dell' Air e del Ténéré occidentale. Il tour prevede 5 giorni di spostamento con auto 4x4 e 9 giorni di trekking con i cammelli, accompagnati da esperte guide locali.
Il percorso intorno all' Adrar Chiriet si svolge in parte all'interno della Riserva Naturale detta Santuario degli Addax, destinata al ripopolamento di questa specie di erbivoro endemica delle zona ed in pericolo di estinzione.


Impegno
Fisico2
Tecnico1
Avventura  2
Alloggio: Hotel in camere doppie a Parigi e Agadez, tende durante il trekking
Trasporti: Fuoristrada, a piedi e a dorso di cammello
Durata: 16 gg
Prezzo:
consultare Avalco Travel
Periodo:
ottobre - marzo

Minimo Partecipanti:
7


dettagli
su questo
programma
La spedizione parte da Agadez, cuore pulsante del Sahara, su mezzi fuoristrada, per raggiungere a Nord il villaggio d’ Iferouane, piccola oasi di montagna.L’appuntamento con le guide tuaregh e i cammelli è fissato al pozzo di Tezirzek.Da qui in cammello, lungo il corso di piccoli oueds (fiumi), ci si dirige verso l’oued Ifiniane, ai piedi dell'Adrar Chiriet, isola di granito galleggiante sulle sabbie del Ténéré. Aggirato Chiriet, traverseremo il saliscendi di dune dell'erg di Izzane fino alla base dei monti Taghmert. Si prosegue verso est addentrandosi nella regione di Illakane e dei suoi scogli di marmo bianco e poi lungo l’oued di Issaouane, enorme letto di fiume che si perde nel Ténéré. Siamo sui margini settentrionali del massiccio montuoso del Takolokouzet; dopo alcuni passaggi rocciosi, apparirà la stupenda caldera naturale di Arakao, un anfiteatro di montagne all’interno del quale si insinua la grande duna. La particolare conformazione di riparo, ha reso Arakao un luogo di elezione per l'uomo neolitico: numerose sono le testimonianze litiche e le incisioni rupestri di epoca bovidiana. Seguendo il corso del oued Takarit, si risale nuovamente una zona montuosa, al di là della quale si apre la grande vallata di Zagado dove ritroveremo i mezzi fuoristrada. Inizia il percorso di rientro, attraversando il cuore montuoso dell'Aïr, passando per piccoli villaggi e dall’oasi di Timia. Man mano che si scende verso sud i rilievi si diradano fino ad arrivare alle pianure che precedono il rientro ad Agadez.
Dettagli Prezzo
Il prezzo include: voli da/per l'Italia a/r in classe economica o charter, trasporti sul posto in furoistrada e cammelli, alloggio duranate il trek in campi attrezzati, tutti i pasti tranne durante i trasferimenti da/per l'Italia a/da Agadez, alloggio in hotel a Parigi e Agadez, accompagnamento della guida locale durante il trek. Sono esclusi: assicurazioni, visti, tasse locali, mance, ingressi a parchi e/o musei, pasti durante i trasferimenti da/per l'Italia a/da Agadez, e quant'altro non menzionato come incluso.
Supplementi: camera e tenda singola; partenza in periodo natalizio; accompagnatore italiano.

Passaporto e Visto
Passaporto di validità min. 6 mesi e visto consolare da ottenere in Italia.

Assicurazioni
Raccomandate le assicurazioni per : danni alla propria persona, RC per danni a terzi, assistenza medica, annullamento viaggio o variazioni, rinuncia.

Tutele Sanitarie
Obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla, consigliabili l' anticolera e la profilassi antimalarica. Consultare il proprio medico per disposizioni specifiche.
Partenze programmate
mediamente una partenza al mese, contattare AVALCO Travel per informazioni
****ATTENZIONE**** I viaggi in Niger sono soggetti a valutazione sulla sicurezza nel paese.

Punto di ritrovo
Aeroporti di Milano Malpensa e/o Roma Fiumicino

Come Raggiungere la Destinazione
Voli da Milano e/o Roma ad Agadez, via Parigi (o altro scalo secondo disponibilità).

Cartografia
IGN 1:2,ooo,ooo NIGER - ed. IGN
IGN 1:1,ooo,ooo NIGER ORIENTALE
AGCD 1:100,000 Niger Geologic Quadrangle Maps

Letture Raccomandate
Niger e Mali - edizioni EDT Lonely Planet

Niger - Bradt Travel Guides
West Africa - The Rough Guides
Un sito web con descrizione specifica della zona: www.itinerariafricani.net




651NIGER - Air e Ténéré 2.jpg
Programma Day By Day

.1° , 2° giorno: Milano – Parigi - Agadez
Partenza da Milano per Parigi. Sistemazione in hotel con trattamento BB. Il giorno successivo, trasferimento su Agadez dove arriveremo in mattinata. Partenza per il circuito. Primo bivacco.

3° e 4° giorno: Agadez - Iferouane - Tezirzek
Lasciando la confusione della città, la spedizione si inoltra con i mezzi fuoristrada nelle piane di Talak diretta verso Iferouane. Campo.
L'imponente bastionata dei monti Tamgak preannuncia l'arrivo a Iferouane, tipica oasi di montagna (700 mt) abitata dai Kel Ferwan. Le caratteristiche "paillottes" arrotondate, disseminate all'ombra delle acacie e, all'esterno, la cintura di palme che ombreggia le coltivazioni dei giardini, sono lo scenario ideale per un primo contatto umano con le popolazione dell'Aïr. Da Iferouane si punterà al pozzo di Tezirzek, situato ai margini esterni dei monti Tamgak dove, spinte dai venti del Ténéré, le dune si addossano all'Aïr.
Incontro con le guide tuaregh ed i cammelli.

5° e 6° giorno: Ifiniane - Adrar Chiriet
Radunati e caricati i cammelli, lasciati al pascolo durante la notte, inizia la randonnée. Proseguendo lungo il oued Ifiniane, si entra nelle piane settentrionali dell'Adrar Chiriet che costeggeremo poi fino ad entrare in uno splendido "golfo" naturale all'interno del massiccio stesso. In contrasto con le gialle sabbie delle dune dell'erg Breard, Chiriet ci appare come una vera e propria "isola" granitica circondata da un insolito mare.

7°, 8°, 9°, 10° giorno: Erg Izzane - Illakane - Issaouane - Arakao
La direttrice è ora quella che conduce al superamento dell'erg di Izzane con splendide dune al di là delle quali si profilano i monti Tagmeurt. Izzane si stende su un fronte traverso di circa 5 km in linea d'aria, con un dislivello di circa 100 metri.
La carovana si snoda lentamente nel saliscendi di dune alla ricerca di passaggi con minore pendenza. La vista dei Tagmeurt segna la fine della traversata.
Cordoni di dune segnano poi il cammino prima di immettersi nel corso dell'oued Issaouane, che scorre verso nord-est fino a perdersi nelle sconfinate piane del Ténéré e sui cui argini grandiose tombe solari preislamiche sono testimonianza del passato.
Campo ai margini dell'oued.
Lasciato l'oued Issaouane la carovana si inoltra in una zona montuosa: ci si trova nel massiccio del Takolokouzet e percorrendo un sentiero sassoso, che si inerpica lungo le sue pendici con un dislivello di circa 400 metri, si giunge in vista di Arakao, la chela del granchio. Arakao è un circo continuo di montagne, di cui Tchin Tabourak costituisce il braccio più a nord, che si apre verso il Ténéré con un unico passaggio attraverso il quale il vento ha sagomato un cordone di dune alte più di 200 metri che lo divide quasi esattamente in due metà: Grand e Petit Arakao.
La particolare conformazione di riparo lo ha reso nel passato zona di elezione per gli insediamenti umani; il suolo è ricco infatti di schegge lavorate, di lisciatoi e macine di inconsuete dimensioni.

11°, 12°, 13° giorno: Arakao - Takarit - Zagado
Una volta all'interno della grande chela ci si inoltra nella gola del oued Arakao, sulle cui pareti rocciose sono scolpite numerose testimonianze di arte rupestre, con svariati temi del periodo naturalistico. Al riparo di un grande masso, dopo una stagione di piogge favorevoli, scorre una vena d'acqua abbastanza superficiale. Scavando questo "abankor" i cammellieri potranno finalmente abbeverare i cammelli. La bellezza del tramonto ad Arakao impone un bivacco ai piedi della grande duna. Seguendo il corso dell'oued Takarit si risale nuovamente una zona montuosa al di là della quale, in una grande vallata, l'oued Issaouane si congiunge all'oued Zagado. Campo e preparativi per riprendere la spedizione con i mezzi fuoristrada che si troveranno in attesa.

14° e 15° giorno: Tchin Toulous - Timia - Agadez
Dopo aver salutato le guide Tuaregh e i cammelli, una giornata di pista ci condurrà prima al villaggio Kel Owei di Tchintoulous, che sarà la prima visione verdeggiante dopo giorni di deserto e poi a Assodé, antica capitale Tuaregh dell'Aïr ove oggi, accanto alle sue suggestive rovine, gravitano numerose famiglie nomadi. Sempre verso sud arriviamo ai piedi dell’Adrar Egalah e all’oasi di Timia. Questo splendido villaggio ci accoglierà con la frescura ristoratrice dei suoi giardini, in straordinaria successione lungo i margini di un grande oued incassato tra le montagne, sovrastato da un fortino abbandonato della legione straniera francese. Gli abitanti del villaggio, i tuaregh Kel Owei, vivono in parte sedentarizzati e dediti all’agricoltura.
Passato il villaggio, dopo un difficile tratto di pista in un deserto di rocce basaltiche nere, inaspettata, apparirà la "guelta di Timia", grande bacino dove l'acqua cola perennemente.
Proseguimento lungo la pista costeggiando ancora imponenti massicci montuosi per poi degradare lentamente sulle piane che ci ricondurranno ad Agadez. Pernottamento in hotel e cena libera.

16° e 17° giorno: Agadez – Parigi - Milano
Mattinata per una visita di Agadez. Trasferimento in aeroporto per il volo di ritorno. Arrivo a Parigi in serata, pernottamento in hotel con trattamento BB. Il giorno seguente coincidenza per le città di destinazione.

NB: Il circuito può essere effettuato in senso inverso e/o modificato durante il percorso dall’accompagnatore per eventuali ragioni tecniche/organizzative e/o ambientali.