utente:
password:
Non sei ancora registrato?
Registrati qui
Hai perso nome utente o password?
Cliccca qui
> TUTTI I PROGRAMMI (QUADRO SINTETICO)
Attivita Destinazione Area
> SCHEDA PROPOSTA

Codice: SP08024

Muztagh Ata 7546 m, il padre dei monti di ghiaccio

Il Muztagh Ata è un gigante di neve e ghiaccio che si eleva nello Xinjiang meridionale, vicino al confine pakistano. E' la montagna più alta del mondo che si possa salire e scendere integralmente con gli sci o lo snowboard. Oltre 2500 m di dislivello in sci, spesso con una polvere da favola !
Una grande avventura per ottimi sciatori alpinisti, non difficile tecnicamente, ma severa per le condizioni ambientali e la quota.
E' fattibile anche a piedi, a fine stagione, ma ovviamente con un impegno fisico maggiore.

Impegno
Fisico4
Tecnico3
Avventura  3
Alloggio: hotel, yourta, tende
Trasporti: minibus e/o jeep, cammelli, asini
Durata: 23 gg
Prezzo:
consultare Avalco Travel
Periodo:
giugno-agosto

Minimo Partecipanti:
8


dettagli
su questo
programma
Il campo base si raggiunge facilmente in mezza giornata dallo splendido lago Karakol a quota 3700 m sulla Karakoram Highway.
Il programma prevede i servizi completi fino al campo base. Da qui i partecipanti dovranno essere tecnicamente e logisticamente autonomi. Su richiesta possiamo procurare i portatori per il trasporto dei materiali ai campi alti. Pure su richiesta per piccoli gruppi possiamo fornire l'assistenza di guida di montagna locale o di guida alpina italiana.
Dopo la spedizione è prevista una giornata di visita a Kashgar, vivace e pittoresca città, incrocio di culture secolari diverse.
Opzionale: arrivo/partenza a/da Kashgar da/a Bishkek (Kirghyzstan) attraverso il Torugart Pass (+ 4 gg), oppure da/a Islamabad (Pakistan) attraverso la Karakoram Highway (Valle dell'Indo e Khunjerabpass (+ 6 gg).
Dettagli Prezzo
Il prezzo include: permessi di salita, supporto per visto cinese, trasferimenti da/a Kashgar a/da Subashi, trasporto dei materiali in cammello da/a Subashi a/da il campo base, servizi al campo base (tende doppie e materassini, tenda mensa, tenda deposito, cucina), ufficiale di collegamento (obbligatorio), 3 pasti al giorno serviti al campo base, alloggi e cene come da programma.
Non sono inclusi: voli, cibo e servizi oltre il campo base, pasti non menzionati nel programma, attrezzature alpinistiche, assicurazioni, mance, tasse aeroportuali ed eventuali oneri doganali, bevande ed extra, spese per bagaglio extra, e quant'altro non menzionato come incluso.
Opzionali: arrivo/partenza a/da Bishkek oppure a/da Islamabad, trasporto di materiali con portatori ai campi alti, hotel in camera sngola, tenda singola al campo base, gas (cartucce), noleggio di telefono satellitare e radio R/T, noleggio di tende per i campi alti, guida d'alta montagna per i campi alti, visita guidata alla città di Kashgar.

Passaporto e Visto
Passaporto con validità min. 6 mesi. Visto cinese da ottenere presso il consolato del paese di residenza (considerare 1 mese)

Assicurazioni
Obbligatorie- assicurazione per: assistenza medica, soccorso in montagna.
Opzionali: danni alla persona, RC terzi, annullamento viaggio o variazioni, perdita o danni al bagaglio, rinuncia.

Tutele Sanitarie
Nessuna in particolare.
Partenze programmate
Normalmente una partenza in luglio ed una in agosto.
Partenze personalizzate per gruppi pre-costituiti.
Contattare per tempo Avalco Travel.

Punto di ritrovo
Aeroporto italiano alla partenza o aeroporto di arrivo nell'area (Bishkek/ Islamabad / Kashgar). Da definire prima della partenza.

Come Raggiungere la Destinazione
Voli a Kashgar via Mosca o Beijing e Urumqi, quindi volo interno da Urumqi a Kashgar. Alternative (opzionali): voli a Bishkek o Islamabad, quindi in minibus a Kashgar.

Cartografia
> Kongur Tagh - Muztagh Ata, 1:100ooo, Edizioni Xi’an Cartographic Publishing House, con scritte in inglese
> China Nort West, 1:2,ooo,ooo - Gizi Regional Maps n° 4
> The Karakoram Highway, 1:1,ooo,ooo - Open Road Guides
> T.P.C. serie 1:500,ooo - Ediz. NIMA (attenzione: sono carte militari per uso prevalentemente aeronautico e poco aggiornate, utili solo per un orientamento di base)

Letture Raccomandate
-> Karakoram Highway, Ed. Lonely Planet
-> China - a travel survival kit, Ed. Lonely Planet
-> Entering Xinjiang, Ed. Association of Cultural Exchanges, Xinjiang Uygur Atonomous Region (libro illustrato);
-> J.Tredinnick, Xinjiang - ed. Odyssey;
-> C.Zhao, Land of Xinjiang - ed. China Travel & Tourism Press.
-> PHOTO GALLERY della spedizione effettuata nel 2008 dal Club Avalco;
-> RELAZIONE TECNICA della stessa spedizione.




689Muztagh web 2.jpg
Programma Day By Day

1° giorno
Arrivo a Kashgar. Accoglienza all'aeroporto e trasferimento in hotel. Incontro con il coordinatore locale. Briefing. Cena e pernottamento.
2° giorno
Controllo dei documenti e dei materiali. Trasferimento in minibus (ca 200 km) lungo la Karakoram Highway fino a Subashi a quota 3700 m, nei pressi dell'incantevole lago Karakol e di fronte all'imponente versante sud-ovest del Kongur (7700 m). Cena e pernottamento in yurta.
3° giorno
Trekking di circa 3 ore con cammelli da Subashi al Campo Base, situato a 4400 m ai piedi della montagna. Sistemazione dei materiali. cena e pernottamento in tenda.
4° - 19° giorno
Periodo dedicato alla salita e discesa della montagna. Vengono installati tre campi alti, a quota rispettivamente: 5400, 6200, 6800 m. I partecipanti gestiscono in autonomia la propria progressione. I servizi al campo base sono sempre disponibili ogni volta che vi si scende. Sono inclusi alcuni giorni normalmente considerati di "riserva".
20° giorno
Raccolta dei materiali e preparazione di bagagli. Trekking dal Campo Base a Subashi. Rientro a Kashgar in minibus. Cena libera e pernottamento in hotel.
21° giorno
Visita libera o (opz.) guidata a Kashgar, città molto caratteristica e vivace: mausoleo di Abakh Hoja, la moschea Id Kah, la città vecchia uygur, il mercato. Cena libera e pernottamento in hotel.
22°-23° giorno
Trasferimento all'aeroporto per volo di ritorno, con arrivo il giorno successivo.


NOTA. Ci sono due vie normali sul versante ovest della montagna. Quella più a nord è la più frequentata, forse perchè è più diretta. L'altra via, a fine stagione, ha spesso il vantaggio di offrire agli sciatori quasi 500 m di dislivello in più nella discesa al campo base.
Noi sceglieremo quella più conveniente in funzione delle condizioni e della logistica.


BR>

689Muztagh web 3.jpg