utente:
password:
Non sei ancora registrato?
Registrati qui
Hai perso nome utente o password?
Cliccca qui
> TUTTI I PROGRAMMI (QUADRO SINTETICO)
Attivita Destinazione Area
> SCHEDA PROPOSTA

Codice: SP11052

Piramide Carstensz o Puncak Jaya, PAPUA

La Papua occidentale (o Irian Jaya) è caratterizzata da una natura rigogliosa (spiagge bianche, fitte foreste, laghi e torrenti, alte montagne) e dalla presenza di tribù indigene tra le più primitive del pianeta.
La Piramide Carstensz (o Puncak Jaya) 4884 m è la massima elevazione dell’isola, e fa parte delle 7 Summits, se la si considera la vetta più alta dell’ Oceania. Presenta anche un piccolo ghiacciaio sommitale, purtroppo in rapido ritiro. Per conquistarne gli ultimi 600 m di roccia occorre affrontare un lungo ed avventuroso trekking nella jungla, dove si incontrano alcuni villaggi dei nativi Lani Dani.
Un viaggio decisamente esotico che vale la pena di fare almeno una volta nella vita.


Impegno
Fisico3
Tecnico2
Avventura  2
Alloggio: hotel, lodge, tende
Trasporti: aereo privato, jeep
Durata: 21 gg
Prezzo:
consultare Avalco Travel
Periodo:
ottobre - marzo

Minimo Partecipanti:
6


dettagli
su questo
programma
La Piramide Carstensz appartiene alla lunga catena delle Snow Mountains o Pegunungan Maoke, che si estende per oltre 1500 km su un asse ovest-est della Papua occidentale. La vetta è raggiungibile dal versante nord, dove è posto il campo base a quota 4250 m nella Meren valley. L’approccio al campo base, fino a qualche anno fa, si faceva da sud, partendo dalla cittadina di Tembagapura e risalendo con le jeep o in cabinovia fino alla miniera di Freeport. Ora questo accesso non è più autorizzato dalla direzione della miniera. Restano almeno due possibilità di avvicinamento a piedi, in 5-6 giorni, dai villaggi di Sugapa o Illaga. Si tratta di trekking lunghi e faticosi, ma certamente remunerativi per la suggestione dell’ambiente.
Se entrambi gli itinerari risultano fattibili (in base ai permessi delle autorità locali e alle condizioni ambientali), proponiamo la salita da Illaga e la discesa a Sugapa, realizzando in tal modo un anello davvero interessante e vario.
In alternativa, è possibile utilizzare l’elicottero, ma la disponibilità è limitata ed i costi elevati. L' elicottero arriva normalmnete solo al campo Zebra Whal 3800 m, sotto il New Zealand Pass.
Durante il trekking contiamo sull’assistenza di una guida locale e di portatori per il trasporto dei materiali comuni. Sono anche forniti cibo e tende per tutta la durata del trekking e la permanenza al campo base.
Per l’attacco alla vetta, la via normale (Harrer) si fa in giornata e presenta passaggi di III grado oppure V (evitabili con le corde fisse). La via per la cresta est ha passaggi di V non evitabili; la diretta americana è decisamente più impegnativa (fino al VI) e può richiedere 1-2 giorni dal campo base.
Per l’ascensione alla vetta è facoltativo il supporto di guide locali. Su richiesta, forniamo l’assistenza di guida UIAGM dall’Italia.
Data la variabilità del meteo, caratterizzato da frequenti piogge, abbiamo incluso nel programma alcune giornate di riserva.
Il clima è quasi costante tutto l’anno, ma da ottobre a marzo le piogge sono meno abbondanti.

*** SU RICHIESTA ***
-> Estensioni ad altre vette nel massiccio: Ngga Pulu (o Middle Peak) 4862 m, Ndugu Ndugu Timor (o East Carstensz) 4775 m, Ngga Pilimsti (o Idenburg Peak) 4717 m.
-> Estensioni ad altre vette della Papua occidentale: Puncak Trikora 4736 m nella zona di Wamena; Puncak Mandala 4640 m, Puncak Yamin 4580 m, Mount Elit (Gunung Elit) 4176 m, nella zona di Angguruk.
-> Estensioni in Papua, da Wamena (mediamente 1-2 settimane): trekking nella Baliem valley e visita alle tribù indigene dei Dani e Lani; trekking nel bacino del Brazza River nel Jayawijaya Range e visita alle tribù dei Korowai (che costruiscono le loro capanne su alberi alti anche 30 metri) e Kombai; da Angguruk: trekking nelle Elit Mountains e visita alle tribù Yali, i pigmei cannibali.
-> Estensione mare all’isola di Biak a Papua e/o a Bali
-> PROGRAMMI PERSONALIZZATI SU MISURA PER GRUPPI
Dettagli Prezzo
Il prezzo include: autorizzazioni per l’accesso all’area del Puncak Jaya, permesso di salita alla vetta; trasferimenti da/a aeroporto di Bali o Jakarta; tutti i trasferimenti a Papua come da programma (compresi i voli privati interni); alloggio in hotel*** a Bali o Jakarta, alloggio in hotel a Timika o Nabire o Wamena (tutti gli alloggi in hotel sono in camera doppia con prima colazione), alloggio in lodge o campo tendato a Sugapa e Illaga; tutti i pasti durante la permanenza a Papua (inclusi i giorni del trekking ed al campo base, ma esclusi i pasti sopra il campo base); tende e cibo durante il trekking, assistenza di guida locale, cuoco, portatori per il trasporto del materiale comune al/dal campo base.
Opzioni a richiesta: voli internazionali a/da Bali o Jakarta e quindi a Papua (Timika o Nabire o Wamena); eventuale hotel presso scalo intermedio durante il viaggio internazionale in andata e ritorno; assicurazioni, estensioni e varianti al programma; estensioni turistiche; assistenza di guida alpina UIAGM.
Il prezzo esclude: voli internazionali a/da Bali o Jakarta e nazionali a/da Papua, visto all'arrivo; pasti a Jakarta o Bali; spostamenti personali nelle città; bevande ed extra, eventuali tasse aeroportuali e doganali, eventuale fuel surcharge, eventuali ingressi a parchi e riserve speciali; pasti in montagna sopra il campo base; assicurazioni, mance; attrezzatura personale; e quanto altro non menzionato come incluso.

Passaporto e Visto
Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi; visto all'arrivo nel paese.

Assicurazioni
Obbligatorie le polizze per spese di soccorso e assistenza sanitaria.

Tutele Sanitarie
Non ci sono al momento vaccinazioni obbligatorie. Tuttavia, occasionalmente sono stati segnalati in particolare casi di malaria e febbre dengue. Consigliamo almeno la profilassi antimalarica; ed in ogni caso di consultarsi con il proprio medico ed osservare le disposizioni del MAE.
Partenze programmate
Contattare Avalco Travel per informazioni.
Attenzione: a causa delle molte autorizzazioni richieste, è necessario prenotarsi con largo anticipo.

Punto di ritrovo
Da definire prima della partenza.

Come Raggiungere la Destinazione
Voli internazionali a Denpasar/Bali o Jakarta, normalmente via Singapore o Hong Kong. Quindi voli interni da Denpasar/Bali o Jakarta a Timika o Nabire o Wamena nella Papua occidentale (inclusi nei nostri servizi).

Cartografia
-> Papua and Maluku islands - 1:1,500,000 - ed. Nelles Verlag;
-> Indonesia Topographic Map 1:250,000: fogli 3212, 3211 - ed. Bakosurtanal (zona della Piramide Carstensz).
N.B: la cartografia locale 1:25,000 non copre la zona della Carstensz, e nemmeno le carte militari russe al 1:200,000.

Letture Raccomandate
Indonesia - ed. Lonely Planet (anche in Italiano).





NOTA: AUTORIZZAZIONI
Per raggiungere la montagna ed effettuarne l'ascensione, sono necessari al momento ben 7 autorizzazioni e permessi, rilasciati da diversi istituti nazionali a Jakarta (tra cui: Ministero degli Affari Esteri, Ministero del Turismo, Polizia Federale) e provinciali a Jayapura (Papua). Tramite il nostro corrispondente di provata affidabilità garantiamo il regolare espletamento delle formalità. I relativi costi sono inclusi nel prezzo dei programma.





Piramide Carstensz 7 Summits Papua Irian Jaya.jpg
Programma Day By Day

giorno 1
Al mattino: arrivo con volo internazionale a Denpasar/ Bali o Jakarta. Accoglienza in aeroporto e trasferimento in hotel. Cena ed incontro con il corrispondente locale.
giorno 2
Mattino: espletamento delle formalità amministrative per recarsi a Papua e per il permesso di salita alla Carstensz. Pomeriggio libero. Alla sera: trasferimento all’aeroporto e volo per Papua.
giorno 3
Arrivo a Timika o Nabire o Wamena nell'isola di Papua. Trasferimento all’hotel. Giornata libera. Alla sera: controllo dei materiali per la spedizione. Cena e pernottamento.
giorno 4
Breve volo interno per Illaga; alloggio in campo tendato presso il villaggio. Espletamento delle formalità burocratiche per l’accesso alla montagna e preparazione dei materiali.
giorni 5-9
Trekking da Illaga al campo base . Si attraversano tratti di jungla, laghi e torrenti, e si incontrano diversi villaggi dei nativi Dani. Il percorso è molto vario ma faticoso, a causa della vegetazione fitta almeno fino ai 3000 m e del terreno fangoso, con numerosi saliscendi e guadi, spesso rallentato dalle piogge. Ma tutto ha il fascino dell’avventura primordiale.
Conviene camminare soprattutto al mattino, quando è meno probabile avere la pioggia. Dai 3650 m del lago Larson inferiore si inziano a vedere le vette innevate della catena Sudirman. Nell’ultima tappa dal New Zealand Pass 4340 m si scende all’ampia conca dove è posto il campo base a 4250 m, presso un lago sul versante nord della montagna.
Pernottamenti in tenda e/o presso le capanne delle tribù locali.
giorni 10 - 13
La vetta della Piramide Carstensz 4884 m per la via normale (Harrer) si fa in giornata dal campo base, in 7-10 ore circa in andata/ritorno. Gli altri giorni sono da considerarsi di riserva per maltempo.
La salita alla vetta si svolge prevalentemente su roccia calcarea di discreta qualità, con passaggi di II grado ed un camino di III fino ad arrivare sulla cresta sommitale. Quindi, poco prima della vetta c’è un passaggio esposto di V, che si può superare con la tecnica della tirolese sulle corde fisse. La discesa si fa in arrampicata, salvo due brevi doppie.
Il tempo può essere molto variabile, con possibile nebbie e brevi nevicate, specialmente nel pomeriggio.
Disponenso di giornate libere, si può salire la splendida vetta del Ngga Pulu 4800m, o altre vette intorno alla Meren Valley, ed effettuare vie in roccia a vista, con sviluppi di 300 - 600 m, e difficoltà dal III al VI grado.
giorni 14 - 17
Trekking di ritorno dal campo base, in 4 tappe. Il primo percorso della discesa, fino al fiume Kemabu a circa 3700 m, è lo stesso della salita, poi si prende la cosiddetta via Suwangwa, un villaggio Lani che si passa durante l’ ’ultima tappa. Da qui si scende ad un fiume, da attraversare su un notevole ponte sospeso, per risalire finalmente a Sugapa 2170 m.
Alloggio in campo tendato.
giorno 18
Volo interno per Timika/ Nabire/ Wamena. Alloggio in hotel.
giorno 19
Giornata di riserva. Alloggio in hotel.
giorno 20
Trasferimento all’aeroporto e volo per Denpasar/Bali o Jakarta. Trasferimento in hotel.
giorno 21
Trasferimento in aeroporto e volo di ritorno.

ACCOMPAGNAMENTO, MEZZI, ALLOGGI A PAPUA
-> I voli interni da/a Timika o Nabir o Wamena a/da Illaga /Sugapa sono effettuati con piccoli aerei regionali privati, tipo Twin Otter, inclusi nei nostri servizi.
-> Non è consentito l’approccio alla montagna a gruppi non accompagnati da guide e portatori locali. I controllo sono severi, ed è meglio non discutere con le autorità indonesiane.
Noi utilizziamo guide esperte del percorso, e portatori che ci assistono nel trekking in andata e ritorno. Sono fornite le tende, di discreta qualità, e tutti i pasti. Ove possibile si potrà alloggiare presso le capanne dei nativi.
-> Il vecchio e rapido approccio in jeep da Tembagapura per la miniera di Freeport non è più autorizzato.
In alternativa al lungo trekking, è possibile effettuare il volo in elicottero da Nabire o Enarotali fino al campo Zebra Whal 3800 m; tuttavia non sempre il mezzo è disponibile, ed i prezzi sono molto elevati.

NOTA SUL PROGRAMMA
Ci potranno essere variazioni, secondo le disposizioni delle autorità locali e/o le condizioni ambientali.

NOTA SULLA SICUREZZA
In Indonesia, nelle città ci possono essere rischi per i turisti, se si fosse coinvolti in qualche manifestazione separatista o scontri tra appartenenti a religioni diverse. Nei villaggi i nativi possono essere occasionalmente aggressivi, specie se si passa sulle loro proprietà.
In ogni caso, è raccomandabile restare sempre in gruppo con la guida locale.
Segnaliamo che Papua è tuttora una regione sconsigliata dal MAE, quindi chi decide di visitarla lo fa sotto la propria esclusiva responsabilità.
Infine, per quanto riguarda la sicurezza dei voli domestici, informiamo che i voli da noi scelti sono esclusivamente quelli delle compagnie NON presenti nella black list EU/ Enac.